. TOUR INCONTRI NOVITA' NORMATIVE

Un tour di cinque incontri organizzati dalla Cna lungo tutto il Polesine (Adria, Porto Viro, Occhiobello, Castelmassa e Rovigo) ha caratterizzato l'attività di Cna Pensionati con un'ottima partecipazione di iscritti. Le novità normative, nazionali e regionali, in materia pensionistica e socio sanitaria sono stati al centro degli incontri in cui Adelina Bianchini, segretaria di Cna Pensionati, ha esposto tutte le principali novità in materia.

Nel suo intervento Maurizio Gardenale, neo Presidente di CNA Pensionati, ha sottolineato l'impegno di informare i pensionati rispetto alle varie normative che caratterizzano la parte previdenziale e socio assistenziale del nostro ordinamento rappresentata molte volte da norme non chiare, qualche volta in contraddizione e soprattutto complicate perchè "viziate,, da una burocrazia sorda ai reali bisogni dei cittadini.

"Oltre al fatto che vi sono disparità di trattamento - sottolinea Gardenale - tra ex lavoratori dipendenti ed ex lavoratori autonomi; dopo la legge Fornero sono state previste otto salvaguardie per i lavoratori dipendenti che sono senza lavoro e senza pensione, mentre non è stato previsto nulla per i lavoratori autonomi che hanno dovuto cessare l'attività a seguito della crisi."

A 360 gradi l'analisi di Adelina Bianchini che ha ribadito: "Si sente parlare molto di welfare in questi ultimi anni - sottolinea - ma c'è ancora molto da fare perché è irrisolto il problema di come garantire, in un tempo di grandi cambiamenti sociali e di aumento della povertà, i diritti di chi ha davvero bisogno."

Parecchi gli argomenti analizzati tra cui l'indice di adeguamento al costo della vita, la perequazione provvisoria, il canone Rai, la no tax area, l'aumento della quattordicesima, l'isee e il bonus per inquilini di case popolari.

"Vi è la necessità - prosegue Adelina Bianchini - di superare le disparità di trattamento ancora presenti tra ex lavoratori dipendenti ed ex lavoratori autonomi. Né la riforma Fornero né i recenti provvedimenti contenuti nella legge finanziaria 2017 con l'introduzione dell'APE hanno affrontato le disparità presenti rispetto per esempio ai requisiti previsti per l'età pensionabile; addirittura sono stati considerati i lavori faticosi ed usuranti solo per i lavoratori dipendenti, escludendo i lavoratori autonomi."

"Il nostro è un movimento davvero attivo- ha concluso il Presidente Gardenale - che propone continuamente sollecitazioni ai nostri iscritti. Nel Veneto abbiamo ribadito la nostra forza essendo il gruppo maggiormente rappresentativo e ribadiamo la nostra disponibilità nei confronti dei nostri associati presenti e futuri e soprattutto aperti al confronto e al supporto di chi attraverso la nostra azione può arrivare laddove da solo è davvero difficile arrivare."