. Giostra e disabilità

Soddisfazione e partecipazione al convegno organizzato a Bergantino

Promosso dalla CNA di Rovigo, in collaborazione con la Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta lagunare, del Ministero dello Sviluppo Economico e dell’ICE si è svolto a Bergantino, presso il Museo della Giostra, un seminario sul tema “Una giostra per tutti. L’accessibilità ai parchi di divertimento per ospiti con disabilità,,.

All’iniziativa, coordinata da Franco Cestonaro, District Manager del Distretto, che ha registrato la presenza di numerosi imprenditori del Distretto e di gestori di importanti parchi di divertimento del nord Italia, erano presenti i Sindaci di Bergantino e Melara, Giannino Rizzati e Paola Davì, il Componente il Consiglio della Cciaa Venezia Rovigo Delta Lagunare Remo Zanellato, i rappresentanti di CNA Nazionale, Valentina Di Berardino ed Antonio Franceschini e il Direttore di CNA Rovigo Alessandro Monini.

Franco Cestonaro, nel presentare il seminario, ha sottolineato il fatto di come l’iniziativa si inserisca in un progetto più ampio, sostenuto dal Ministero, dall’Ice, dalla Cciaa, che vedrà anche nelle prossime settimane ospiti in Polesine oltre 20 buyers provenienti dai Paesi del Golfo Persico.

L’attenzione verso quei mercati, sollecitato dagli imprenditori, ha evidenziato Cestonaro, deriva dagli importanti appuntamenti internazionali che vedranno quei Paesi coinvolti già nel 2020 con l’Expo Internazionale a Dubai e con i mondiali di calcio in Qatar nel 2022.

Cestonaro ha quindi evidenziato la volontà del Distretto della Giostra del Polesine, riconosciuto dalla Regione Veneto come eccellenza produttiva regionale, di contribuire allo sviluppo del progetto “Una giostra per tutti,, per facilitare la presenza di persone diversamente abili nei parchi di divertimento, inteso anche come contributo che la CNA, comunità di imprenditori, può offrire al territorio. Ha sottolineato, quindi, l’importanza delle sinergie sviluppate per la realizzazione del progetto.

Il Sindaco di Bergatino, Giannino Rizzati ha ricordato come il Museo della Giostra di Bergantino, che ospitava il seminario, fosse stato inserito recentemente tra i musei industriali veneti, il che rappresenta un importante risultato a riconoscimento della vitalità del distretto e delle imprese che vi operano.

Il Sindaco di Melara, Pala Davì, nell’esprimere il proprio orgoglio di rappresentare i produttori di attrazioni e spettacoli viaggianti e dei fuochi di artificio ha evidenziato come il progetto, che ruota attorno al termine inclusione, sia di continuità alla sensibilità sociale dimostrata dalle imprese come l’utilizzo di fonti di energia alternativa per il funzionamento delle attrazioni.

Remo Zanellato nel portare i saluti del Presidente della Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare ha rimarcato la forte valenza sociale dell’iniziativa, la quale troverà l’attenzione da parte della Camera, poiché le imprese del Distretto sono impegnate in importanti progettualità imprenditoriali, ma anche di attenzione alla società.

Il Direttore CNA di Rovigo Alessandro Monini ha ricordato l’importanza del distretto per l’economia non solo del territorio, ma per il Made in Italy, evidenziando l’impegno della Associazione  non solo per gli ambiti  economici, ma anche di attenzione nei valori fondanti dello stare assieme della comunità.

Antonio Franceschini, responsabile nazionale CNA per l’internazionalizzazione delle imprese, ha espresso soddisfazione perché si tratta di progettualità di “sistema,, in cui affiancare ai temi della internazionalizzazione e formazione anche quelli legati all’attenzione alla società. Ha quindi ringraziato Ice ed il Ministero dello Sviluppo Economico che permetterà ai buyers stranieri di conoscere il distretto della giostra del Polesine che, come altre eccellenze del nostro Paese, è composto da imprese che operano all’ombra dei campanili ma che sono presenti in tutto il mondo.

 

Gianni Chiari, coordinatore del gruppo di lavoro multidisciplinare “Una giostra per tutti,, sviluppato con la partecipazione di neuropsichiatri, medici, esperti in materia di normativa sulla sicurezza dei prodotti, vigili del fuoco e rappresentanti di parchi di divertimento italiani, ha evidenziato come il progetto sia nato dalla sensibilità di molte persone con l’obiettivo di rendere accessibile le attrazioni e le giostre a persone con esigenze speciali . Ha rimarcato come per il settore, il tema della sicurezza sia sempre stato un elemento di attenzione perché non vi è business del divertimento che non possa non essere attento alla salute del pubblico, degli utenti. Nel riprendere gli obiettivi del progetto, i cui risultati sono stati valutati dell’Istituto Superiore della Sanità, ha evidenziato come lo scopo fosse di definire le linee guida e di buone prassi nell’utilizzo delle attrazioni nei parchi di divertimento da parte di persone con esigenze speciali.

La sfida che ora ci attende – ha commentato Chiari – è di ampliare la sensibilità al progetto, coinvolgendo i costruttori di attrazioni, i gestori di altri parchi di divertimento, affinchè si possano offrire sensazioni ed opportunità a persone con esigenze speciali ed ha colto positivamente la disponibilità del Distretto polesano e della CNA di collaborare per la piena riuscita del progetto.

A conclusione del seminario il Professor Tommaso Zaghini, Direttore del Museo della giostra, ha evidenziato come il Museo Di Bergantino racconti e valorizzi la cultura delle imprese delle giostre, considerate prima solo come oggetto di divertimento, ma con ampi significati per gli aspetti economici e sociali che producono.